Archivi categoria: Informatica

Comune, ASP Siccardi-Berninzoni e AGE insieme per social network sicuri

COME NON C@DERE NELLA RETE.

UTILIZZO CONSAPEVOLE DEI SOCIAL

NETWORK CON IL GIORNALISTA

INFORMATICO

PAOLO ATTIVISSIMO

Spotorno, 18 marzo 2015

Il Comune di Spotorno, l’Azienda per Servizi alla Persona Siccardi-Berninzoni e l’Associazione Genitori di Spotorno promuovono un incontro con il giornalista informatico Paolo Attivissimo sul tema della sicurezza informatica per un utilizzo consapevole dei social network. L’incontro è programmato per mercoledì 18 marzo, presso la saletta Conferenze dell’ASP Siccardi-Berninzoni sita in via Verdi 33 a Spotorno. L’accesso è libero e gratuito ed è rivolto a tutta la cittadinanza, in particolare ai genitori i cui figli sono nell’età adolescenziale.

Ed è proprio ai genitori che l’Assessore alla Pubblica Istruzione Gian Luca Giudice si rivolge: “Se vostro figlio si trova in età adolescenziale, allora è probabile che proveniate da una generazione cresciuta senza computer. Forse vi ricordate dell’Atari e del C64, tuttavia avete inviato la vostra prima e-mail quando eravate già adulti. Quindi, se non avete studiato informatica, è probabile che usiate il vostro PC privato soprattutto per scrivere lettere, per archiviare foto, per comprare delle scarpe nel negozio online o per partecipare ad aste online aumentando per esempio il prezzo di un tavolo in legno. Il vostro computer privato è per voi uno strumento di aiuto nella vita quotidiana, ma di certo non ne è il fulcro.

Per vostro figlio è diverso. I nostri figli non possono vivere senza computer, senza cellulare, e soprattutto: senza Internet. Questo è il loro mondo: sono figli della rete. Se per esempio vogliono incontrarsi con i figli dei vicini, mandano 20 SMS prima di percorrere le scale e suonare alla porta. E se si vuole sapere qualcosa su di loro, basta andare sulla loro pagina Facebook, controllare il loro «profilo» e vedere quanti

«amici» hanno. Il concetto di «amico» su Internet non ha però lo stesso significato che ha nella realtà: le «richieste di amicizia» si fanno in automatico, con un semplice «aggiungi», anche i semplici conoscenti e persino gli estranei (p.es. quelli di una comunità di gioco) possono diventare amici. Molti di questi «amici» non li si è mai visti di persona.

Le reti sociali (social network), nelle quali i vostri figli si muovono con grande agio, si conoscono, chattano, si danno appuntamenti, si innamorano o si insultano, sono divenute una realtà in costante aumento, la quale non può essere né vietata né eliminata, ma che invece deve essere accettata e controllata in modo competente!

Facebook, LinkedIn, o Google+ da tempo non sono più una novità, ma fanno parte della vita quotidiana. Solo Facebook conta nel mondo oltre 1 miliardo di membri. Alcune di queste reti si rivolgono soprattutto ad adulti che desiderano mettersi in contatto per motivi professionali, altri a particolari categorie di giovani, ma Facebook li vuole tutti: persone di ogni età, gruppi, aziende, ecc.

Ma cosa rende i social network così interessanti per i giovani? Si tratta soprattutto di due aspetti già impliciti nel nome: il sociale e la rete.

Vediamo quindi insieme mercoledì 18 marzo con Paolo Attivissimo come usare consapevolmente i social network…”.

Paolo Attivissimo ci segnala due pubblicazioni gratuite interessanti rivolte a genitori e figli sull’uso consapevole dei social network.

Ecco i link per il download:

– Per genitori Safebook_genitori

– Per i figli Safebook_figli

DSC_0050

(immagine di repertorio, Attivissimo durante una lezione ai ragazzi delle scuole di Spotorno)

Conoscere il software libero

Io ci sarò! E porterò il mio contributo come Assessore del Comune di Spotorno! Dove? Leggi…

Sabato 3 maggio, alle ore 15, presso la Sala Rossa del Palazzo Civico di Savona, l’associazione Govonis, in collaborazione con il Comune di Savona, organizza un momento di divulgazione e riflessione dedicato al software libero. 
L’obiettivo dell’incontro è presentare in modo semplice e chiaro le alternative libere/open source a software proprietari di uso comune.
L’evento è rivolto a tutti coloro che desiderano conoscere soluzioni libere per l’informatica di base, per il lavoro e lo studio, per la gestione familiare o per soluzioni aziendali. 
L’incontro è stata organizzato a valle della cessazione del supporto per il più famoso sistema operativo Microsoft Windows XP oltre che per la suite Office 2003, cessazione avvenuta l’8 aprile 2014. 

savonalibero_300